El Dos Del Bec | L’Azienda Agricola
16
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16,mltlngg-it_IT,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.5,vc_responsive
 

L'Azienda Agricola

Azienda Agricola!

Gode di una posizione privilegiata a pochi minuti dal centro della città, nel Pisogne più tranquilla e soleggiata in un paesaggio di montagna sul lago. Una gestione familiare, amichevole e un ambiente di naturale cortesia ne fanno un luogo molto interessante per una giornata a contatto con la natura, lontano da ogni stress. La nostra azienda si estende su una superficie di circa 10 ettari dove l’attività principale è l’allevamento di ovini e caprini (Bionda dell’Adamello). Abbiamo anche animali da cortile , asini, maiali, bovini. Punto di forza è il metodo di allevamento “non-intensivo”, che permette gli animali di pascolare liberamente. Gli alberi da frutto, piccoli frutti, filari di viti, frutteti, uliveti e bosco di castagni ci permette di arricchire la nostra tavola di prodotti a km “0”.

Castagne … tra mito e realtà!

In passato le castagne erano considerate un dono preziosissimo della natura perché potevano sfamare negli inverni più rigidi, si conservavano a lungo, si prestavano a moltissime ricette e addirittura venivano usate come moneta di scambio. I boschi venivano tenuti puliti proprio in attesa della loro caduta, e la raccolta era uno dei momenti più vivaci e allegri delle comunità montane.

“Un’antica leggenda narra di un piccolo paese di montagna i cui abitanti, molto poveri, non avendo di cosa mangiare, si rivolsero a Dio pregandolo di dar loro di che sfamarsi. Il buon Dio, sentite le loro preghiere, diede loro una pianta da cui poter raccogliere frutti nutrienti da poter mangiare: il castagno. Ma il Diavolo, visto quello che Dio aveva fatto, per impedire che la gente potesse raccogliere i frutti, li avvolse in un guscio spinoso. Gli abitanti del piccolo paese, presi dallo sconforto, ritornarono nuovamente a pregare Dio ed egli, sceso in mezzo a loro, fece il segno della croce e i gusci spinosi, come per miracolo, si aprirono. Da quel giorno, quando è periodo, i frutti di questa pianta si aprono a croce.”

Sapori rievocativi:

“Quando ero bambino, adoravo stare a casa della nonna, vicino alla stufa a legna a mangiare le castagne che lei cuoceva nell’acqua per me. Oggi quel sapore rimane legato ai profumi di quella cucina e all’immagine di un affetto che ha caratterizzato la mia vita.”